ICV: Progettazione impianti Torino.

progettazione impianti Torino

Progettazione, verifica e direzione lavori di:

  • impianti termici di riscaldamento e di condizionamento.
  • impianti distribuzione gas e canne fumarie.
  • impianti idrico-sanitari, scarico acque meteoriche e acque nere.
  • impianti solare-termico per la produzione di acqua calda sanitaria e per integrazione riscaldamento.
  • impianti antincendio (rilevamento e spegnimento)

progettazione impianti Torino

Redazione di:

  • dichiarazioni di Rispondenza Impianti ai sensi del DM 37/2008.
  • perizie tecniche asseverate su immobili e impianti.

Calcolo illuminotecnico per interni ed esterni.

Gestione di:

  • manutenzione con redazione dei piani di manutenzione.
  • pratiche “Detrazione fiscali IRPEF”

Consulenze tecniche nei settori impiantistici.

Cos’è il progetto termico impiantistico?

La Legge 10/91, meglio definibile come ex Legge 10, dal punto di vista edilizio, si traduce in una relazione tecnica progettuale (relazione di calcolo termico-impiantistico) che il committente di un lavoro (manutenzione straordinaria, ristrutturazione, ampliamento o nuova costruzione) deve allegare al progetto edilizio da presentare presso il Comune per il relativo permesso edilizio.
La relazione tecnica legge 10 91 è quindi un progetto di impianto con calcolo energetico che ha lo scopo di valutare che l’organismo edilizio, comprensivo degliimpianti termici in esso contenuti, abbia una prestazione energetica che rientri nei parametri minimi richiesti dalla normativa. Le norme infatti stabiliscono in funzione della forma dell’abitazione (fattore di forma), ovvero del rapporto tra la superficie esposta e il volume, oltre che della zona climatica in cui ricade l’edificio (il territorio italiano è suddivisoin 6 zone climatiche che vanno dalla A alla F), che venga raggiunto – attraverso adeguati parametri progettuali – un indice di prestazione energetica minimo richiesto. Il progetto dell’organismo edilizio (edificio + impianti) dovrà essere tale da soddisfare questo limite minimo. Prestazioni migliori si tradurranno in una Classe Energetica più elevata, attestata al termine della costruzione stessa.

La relazione termica Legge 10/91 viene redatta per:

  • nuove costruzioni
  • sostituzione impianto di riscaldamento
  • sostituzione impianto per la produzione di acqua calda sanitaria;
  • sostituzione del generatore di calore.

ICV, progettazione impianti Torino: accuratezza e precisione.

A cosa seve la Legge 10?

La relazione secondo Legge 10 è una verifica energetica che valuta in modo vincolante come il progettista ha ipotizzato le murature, i serramenti, i pavimenti, la copertura e gli impianti di un edificio. Il Direttore dei Lavori ha l’obbligo di fare eseguire i lavori come previsto dalla relazione.

Chi deve presentare la relazione prevista dalla legge 10?

La Legge prevede che, come tutti i documenti relativi alla richiesta di un permesso edilizio, sia presentata dal proprietario dell’abitazione. Di fatto è il professionista che segue la pratica edilizia che cura personalmente la consegna di tutti i documenti.

Ci sono sanzioni per chi non deposita la Legge 10?

Si sono previste sanzioni a carico del proprietario. Se invece la relazione è difforme da quanto previsto dalle Norme oppure la stessa relazione non viene rispettata, vi sono sanzione a carico, secondo le responsabilità, del Progettista del proprietario e del Direttore dei Lavori.

ICV, progettazione impianti Torino: tutti i servizi accessori.

Quali sono gli obiettivi della legge 10/91?

La Relazione Legge 10/91 è lo strumento che permette di controllare che i componenti dell’involucro edilizio e gli impianti dell’edificio rispettino i limiti definiti dal D.Lgs 311/2006 e successive modifiche.
Il documento di Legge 10/91 è preposto a dimostrare che l’edificio di nuova costruzione,o oggetto di manutenzione straordinaria, ristrutturazione, ampliamento, rispetta dei parametri minimi di legge richiesti riguardanti caratteristiche energetiche. Le norme (D.Lgs. 311/2006) infatti indicano, a seconda della zona climatica e del rapporto superficie esposta/volume, una serie di parametri energetici che l’involucro edilizio, comprensivo di murature, pavimenti e solai, e gli impianti devono necessariamente rispettare per raggiungere un determinato indice di prestazione energetica minimo.
La relazione deve essere allegata al progetto edilizio da presentare in Comune per l’ottenimento del relativo permesso edilizio.

Cosa serve per redigere la legge 10?

Il nostro studio di ingegneria si occupa di redarre la relazione di Legge 10. Per offrire i nostri servizi di relazione termica al miglior prezzo, abbiamo bisogno della tua collaborazione: disegni esecutivi, piante, prospetti, sezioni e progetto isolamenti e impianti. Se non li possiedi possiamo realizzarli e fornirteli noi all’interno del nostro servizio di riqualificazione energetica.
Per una veloce e migliore compilazione della Legge 10 è quindi necessario fornirci:

  • allegati grafici comprendenti piante, prospetti e sezioni
  • stratigrafia dei componenti dell’involucro
  • schede tecniche dei componenti dell’impianto

ICV, progettazione impianti Torino: esperienza di alto profilo.